regresso gengivale

Regresso gengivale

Generalmente il regresso gengivale dipende da uno scorretto spazzolamento. Tuttavia ci sono cause fisiologiche, traumatiche, virali o batteriche che portano a questo problema.

Come trattare il regresso gengivale

Se la recessione gengivale è di lieve entità si può correre subito ai ripari con una igiene dentale casalinga più accurata, per poi passate all’igiene professionale a intervalli più ravvicinati, assicurandosi di prendere nota dell’andamento della regressione in modo da poter fare un confronto con il periodo precedente.

Si parla di recessione gengivale di lieve entità se non è causa di un problema estetico, se è possibile eseguire una corretta igiene orale anche sui bordi gengivali o se non si hanno problemi di sensibilità dentale al caldo e/o al freddo.

Diversamente si è in presenza di una grave recessione gengivale.

Rimedi al regresso gengivale

L’unico rimedio alla recessione gengivale è la chirurgia, in modo da dare una nuova copertura alla radice del dente e prevenire la sensibilità dentale.

Grazie alle tecniche chirurgiche più innovative si possono trattare fino a 12 denti in un unico intervento. L’intervento, associato a una corretta terapia farmacologica, contribuirà a rendere quasi nulli sia il dolore sia il gonfiore post-operatorio.

La buona riuscita dell’intervento dipenderà soprattutto dalla collaborazione del paziente, il quale dovrà attenersi scrupolosamente alle istruzioni date in sede di intervento chirurgico.

Rimedi naturali al regresso gengivle

Sui vari siti internet esistono rimedi naturali alla recessione gengivale. In genere si tratta di prodotti antinfiammatori come l’aloe vera, la curcuma, il thè verde e il tea tree oil che, associati a una corretta igiene orale casalinga e professionale, possono arrestare il regresso gengivale. Tuttavia l’unica soluzione per ricreare la parte mancante di gengiva è l’intervento chirurgico.

Perché non sottovalutare il problema della recessione gengivale

È bene non sottovalutare il problema del regresso gengivale soprattutto per chi ha già gengive sottili e non spazzola in maniera corretta i denti. Questi due fattori possono peggiorare fino a causare la sensibilità dentale. La radice del dente non è più coperta dalla gengiva di conseguenza potrebbero anche venire a mancare le strutture che supportano il dente stesso.

A causa del regresso gengivale, il paziente potrebbe non essere in grado di effettuare una corretta igiene dentale con la conseguente formazione di placca e tartaro che, se trascurati, possono portare alla formazione di una tasca parodontale con possibile perdita del dente stesso.


Vuoi prenotare una visita presso la Clinica Dentale Cukon?
La nostra equipe è al tuo servizio.